Category

baby

Category

PANNOLINI LAVABILI: IMSE VIMSE TAGLIA UNICA ALL-IN-2

I pannolini lavabili taglia unica Imse Vimse, per genitori sempre in movimento che amano l’ambiente e vogliono il meglio per i propri piccoli!

imse-vimse-pannolini-lavabili-003

Usiamo pannolini lavabili dalla nascita di Giorgina e con l’arrivo di Giovanni siamo riusciti a riutilizzare gran parte dei pannolini che avevamo acquistato per lei, ciononostante qualcuno si è perso per strada ed è stato necessario andare a caccia di nuovi.

Imse Vimse – pannolini lavabili per tutti i gusti

Una recente nuova entrata nel nostro “parco pannolini” è un pannolino taglia unica della Imse Vimse, una azienda storica nel campo dei pannolini lavabili che produce prodotti per il cambio dal 1988. Nata in Svezia dalle esigenze di una mamma con un bimbo che non tollerava nessun tipo di pannolino e non riusciva a guarire da terribili eczemi da contatto dovuti alle varie sostanze assorbenti usate nei pannolini usa e getta, oggi Imse Vimse produce pannolini lavabili da bambino, costumini contenitivi, mutandine allenatrici, assorbenti lavabili da donna, coppette assorbilatte lavabili e molti altri accessori utili per il cambio e il bagnetto dei bimbi.

Ho provato l’Imse Vimse One Size in collaborazione con Baboo Kids Design – uno degli spazi più interessanti e originali tra i negozi fiorentini dedicati all’infanzia – 

SUPPORI E SUKKIRI: DAL GIAPPONE LA FASCIA PORTABEBÈ INCONTRA L’ESTATE

Portare in fascia è bello e comodo e permette di muoversi più liberamente che con un passeggino. Ma quando arriva il caldo dell’estate, come si fa?

suppori-fascia-tascabile-003

Io, ormai lo sapete, sono una portatrice entusiasta. Ho portato Giorgina fin da piccolissima in fascia e col marsupio e poi anche Giovanni, che però è nato d’estate e mi ha stimolato a provare anche altre fasce e posizioni per non rinunciare alla comodità di portarlo con me e allo stesso tempo non morire di caldo.

Questa estate grazie a Emilia e Aidan di Family Nation ho avuto modo di conoscere e provare delle nuove fasce arrivate dal Giappone, vincitrici a man bassa di numerosi premi di design di settore e perfette per l’estate. Si chiamano Suppori e Sukkiri e sono prodotte dall’azienda giapponese Lucky, primo marchio produttore di fasce porta bebè in Giappone, nato nel 1934 con l’obiettivo di agevolare la vita affatto semplice delle mamme di quell’epoca.

VI PRESENTO LA BRUM BRUM BIKE

BRUM BRUM è una bici in legno senza pedali. Per imparare l’equilibrio senza rinunciare ad un design innovativo che vi farà innamorare.

brum brum bicicletta senza pedali balance bike legnoBrum Brum è una bici senza pedali, in legno. Nel Nord Europa ne fanno uso già da parecchio tempo. Da noi non da molto, invece, abbiamo fatto l’abitudine a veder sfrecciare queste piccole biciclettine – generalmente in legno – senza pedali e senza freni che un po’ ricordano la macchina dei Flinstones versione due ruote.

I nostri bambini mediterranei sono abituati ad imparare l’arte del pedalare passando attraverso il frustrantissimo stadio delle “rotelline”; instabili e rigidi ausili all’utilizzo delle due ruote. Efficace, alla lunga si, ma funzionale, poco. A mio parere il concetto pedagogico che sta alla base dell’uso delle rotelline è: studiamo un metodo che sia sufficientemente scassaballe e complicato, affinché i bimbi, pur di non passare un altro giorno attraverso simile tortura, si diano una mossa e imparino svelti svelti ad usare i pedali in maniera appropriata.

LA PARRUCCHIERA PIÙ KIDS FRIENDLY DI FIRENZE

Simonetta Pini è la parrucchiera più kids friendly che c’è.

A Firenze, adesso, meta obbligata per chiunque voglia dare un taglio ai capelli dei propri piccoli!

Un paio di settimane fa io e Giorgina siamo state invitate ad andare a provare i nuovi servizi kids friendly del negozio di parrucchiera Simonetta Pini, qui a Firenze.

Per Giorgina era una prima volta assoluta. Già prima di arrivare l’eccitazione aveva, però, raggiunto livelli altissimi. Negli ultimi tempi Giorgina è diventata un po’ “smorfiosetta”, attenta ai vestiti e all’acconciatura dei capelli anche solo per andare a scuola e, inoltre, la babysitter le aveva detto che, di sicuro, la parrucchiera sarebbe stata capace di acconciarle i capelli come Elsa di Frozen.

E sicché credo non ci sia più niente da aggiungere. Frozen è la parola magica e tanto basta.

IL MIO BABY MONITOR, ECCOLO QUA!

Voglio dirvi la verità. Ad un certo punto della mia vita di madre, avevo deciso di archiviare la faccenda baby monitor. Ne avevo provati tre o quattro dopo la nascita di Giorgina – regali e prestiti vari – e nessuno di essi aveva superato la superpotenza del mio orecchio di madre e la beata incoscienza di chi si affida pericolosamente al destino. C’era quello che funzionava benissimo ma sfortunatamente si attivava lentamente e in genere quando ormai la tempesta era già passata e io o il babbo eravamo già accorsi a quietare gli animi; oppure c’era quello che si connetteva con tutto, anche con le radioline dei camionisti, ma proprio non ce l’ha mai fatta a sintonizzarsi sulle onde sonore provenienti dall’ugola della piccina; c’era quello che prometteva riprese video fenomenali e invece sembrava tutto un sequel dell’ecografia morfologica e quello che invece soffriva d’ansia e faceva partire l’allarme per ogni minimo soffio di vento. Una costante delusione, insomma.

Quando ho conosciuto il nuovo Smart Baby Monitor uGrow Philips Avent stavamo cominciando a pensare di spostare i bimbi in una stessa camera e