Ormai esiste un’app per qualsiasi cosa. Ce n’è una che aiuta anche i più imbranati a cucire una gonna a ruota; sogno di ogni bimba dai 2 ai 100 anni!

Sono cresciuta con una nonna sarta. E con una zia che era caposala di ortopedia ma anche “sartina rifinita” (come amava precisare la suddetta nonna). E con una mamma che anche lei se la cavava benino, pur non essendo una professionista come le altre due.

Ricordo che le mie Barbie avevano sempre questi abiti molto belli fatti con gli scarti delle stoffe delle clienti di nonna. In particolare ricordo un abitino in seta rosa pallido che aveva un corpetto a cuore e una gonna a ruota che mi faceva impazzire; feci promettere a zia, che me lo aveva cucito, che quando fossi stata grande ne avrebbe cucito uno uguale per me. Non glielo ho mai rammentato perché, poi, da grande, un vestito come quello non lo avrei mai e poi mai indossato. Però ancora lo ricordo.

Ricordo che il sabato quando capitava di andare in centro a Firenze si faceva sempre un salto al negozio di Naj-Oleari – all’epoca un vero e proprio marchio cult dai 5 ai 18 anni, oggi relegato a far da regalo per acquisti sopra i 30 Euro su Bottega Verde – a comprare metri e metri di stoffa con cui poi mia nonna mi cuciva interi guardaroba stagionali.

Ricordo che la mia compagna di classe Valentina B. faceva danza e indossava solo gonne a ruota che faceva roteare con piroette perfette mostrando le sue gambe magre e affusolate. Io bramavo gonne a ruota e gambe da gazzella e siccome all’epoca il fisico ancora non si era deciso a prendere forma tanto quanto quello della Valentina B. mia nonna e mia zia, per compensare, mi riempivano letteralmente di sottane. Mia zia me ne cuciva anche nel tempo di un pisolino pomeridiano sul suo divano di campagna nei fine settimana che passavo da lei. Ne avevo di tutti i colori e di tutte le stoffe.

Un anno io e mia mamma decidemmo di tagliare una settimana di vacanza estiva per comprarci una bella macchina da cucire e un po’ di modelli base per cucire insieme i nostri vestiti. Stavamo passando un periodo di scarse finanze e ci sembrò una buona idea. Successivamente il fatto di aver imparato a cucire mi ha risolto un bel po’ di problemi. Un anno io e la mia amica Vale ci pagammo le vacanze grazie al riciclo di un centinaio di pareo indiani che un nostro amico non riusciva a vendere e ci regalò e che io trasformai in gonne, pantaloni e abiti da vendere ad un festival frikkettone. All’università ho fatto orli e riparazioni a-go-go per poi finire a fare la sostituta sarta per una stagione teatrale di una compagnia di Siena. Nel tempo mi sono cucita e ho cucito un sacco di cose, fino a stufarmi e ad abbandonare la macchina da cucire in un angolo.

Poi negli ultimi anni, pian piano, la passione è tornata e adesso che Giorgina non fa altro che chiedere gonne a ruota, proprio come me da bambina… beh… potevo tirarmi indietro?

E così ecco qua un brevissimo post su COME FARE UNA GONNA A RUOTA, per voi, per le vostre bimbe, per chiunque voglia inebriarsi con una giravolta fatta bene, accompagnata dal fruscio rassicurante di una quantità spropositata di stoffa. La gonna a ruota è benessere allo stato puro. Ed è pure facilissima da fare.

Dunque:

  • IL PRIMO PASSO è prendere le misure. La cosa più facile da fare è fare una gonna a ruota con l’elastico in vita. Zero cerniere, niente bottoni, estrema rapidità d’esecuzione. Se avete una macchina da cucire tradizionale a disposizione – non una taglia e cuci – e usate un tessuto non elasticizzato, la cosa migliore da fare è prendere la misura sui fianchi. In questo modo sarete sicuri che riuscirete in ogni caso ad infilarvi la gonna.
  • Andate poi a consultare questa applicazione web che si chiama CIRCLE SKIRT CALCULATOR, selezionate il calcolo in centimetri, scegliete l’ampiezza della vostra ruota e la lunghezza totale della gonna e infine inserite la misura dei vostri fianchi. L’app vi restituirà in dono le indicazioni per il taglio e – importantissimo – la quantità di stoffa che dovrete comprare. Considerate che nelle misure la app ha già considerato lo spazio per orlo e cuciture varie. A chi ha inventato questa app, comunque, io che in matematica sono negata, farei un monumento!!!
  • Andate a COMPRARE LA STOFFA E L’ELASTICO, abbondando un pochino rispetto alle indicazioni.
  • Tornate a casa e procedete con il taglio facendo, nel caso della gonna con elastico una variazione rispetto allo schema proposto dall’applicazione: piegate la vostra stoffa in 4 a formare un quadrato e tracciate il disegno del raggio del girovita secondo la misura data dall’applicazione. Così:
  • come tagliare gonna ruotaTagliate fiduciosi.
  • Se volete fare una gonna a ruote semplice con l’elastico in vista a questo punto tagliate l’elastico un pochino più corto della misura del vostro girovita e cucite a formare un anello. Se invece volete l’elastico a scomparsa dentro un cinturino, lasciate aperta la striscia d’elastico e utilizzate l’avanzo della stoffa per tagliare una striscia che dovrà essere tagliata di un’altezza doppia rispetto all’elastico e della stessa misura dei fianchi presa prima, più un paio di centimetri di agio su tutti i lati, per cucire.
  • Con lo zig-zag passate sopra a tutti i bordi della stoffa per evitare che si sfilacci.
  • Per cucire l’elastico al girovita ci vuole un po’ di pratica e fermezza. Appuntate con gli spilli da sarta l’elastico in corrispondenza del centro davanti e dietro e dei fianchi e poi con l’elastico in tensione cucite prima con un punto elastico dritto contro dritto e poi, con una doppia cucitura dritta a fermare l’elastico sul retro della gonna. Se invece seguite la direzione del cinturino, procedete cucendo il cinturino al girovita, prima dritto contro dritto e poi di nuovo dalla parte interna, lasciando una piccola apertura per inserire l’elastico. Attraverso l’apertura inserite l’elastico tagliato qualche centimetro più corto rispetto alla larghezza che desiderate – quanto più corto dipende da quanto è elastico il vostro elastico – e un volta inserito tutto cucitene le estremità. Finite di cucire a mano l’apertura che avevate lasciato per inserire l’elastico.
  • Imbastite bene l’orlo della gonna prima di cucire con la macchina. L’operazione va fatta con calma perché secondo la stoffa che avete scelto l’operazione potrebbe non essere sempre facilissima. Io faccio spesso pasticci quando il tessuto è un po’ elastico, per esempio.
  • Cucite l’orlo e VOILÀ la gonna è pronta per essere indossata!!!!

Con un po’ di pratica si riesce a finire una gonna a ruota in circa un’ora, ora e mezza. E con lo stesso procedimento si possono realizzare vestitini bellissimi, semplicemente disegnando lo scalfo delle maniche o addirittura dei pantaloni molto eleganti e facili da realizzare! Nelle prossime settimane ne farò qualcuno anche per me e proverò a condividerlo qui, se vi piace!

Fatemi sapere come vanno le vostre ruote e se le vostre piccoline sono fissate come la mia con le gonne da ballerina!!!

come fare gonna ruota tutorial facile applicazione web

come fare gonna ruota tutorial facile

Come fare gonna ruota tutorial facile

come fare gonna ruota tutorial facile

come fare gonna ruota tutorial facile

come fare gonna ruota tutorial facile

 

Irene
Author

Write A Comment