Facciamo che per esempio è una mattina del fine settimana, fuori il tempo è così-così, sono le 10 e ancora tutti indossano il pigiama e voi sareste state anche molto volentieri a letto sotto il piumone un’altra oretta o anche due. Facciamo che invece la gnometta di casa ad una certa ora ha deciso che no, adesso ci si alza da letto, si fanno tre litri di spremuta, si mangia il pane tostato con un etto di burro e marmellata e poi giochiamo tutti insieme con l’energia di un giovane leone; il tutto in circa cinque minuti.

Per questa tipologia di mattine il Barbapapà ha tirato fuori dal cassetto un vecchio format televisivo da riprodurre in versione casalinga con innumerevoli effetti positivi. Il format è il vecchio “Giochi senza frontiere” (chi se lo ricorda?), il principale beneficio invece è che voi non dovrete fare altro che costruire un percorso ad ostacoli sufficientemente lungo, avvincente ma non rischioso per avere il tempo di schiacciare una specie di pisolino – restando sostanzialmente in modalità “pause” su una poltrona convincendovi di essere ancora a letto – mentre la giovane concorrente completa la sfida, andata e ritorno. Il secondo beneficio è che il gioco crea dipendenza e può durare da molto a moltissimo, prolungando la durata del vostro pisolino. L’importante è studiare con accortezza il percorso.

Lo scopo dei nostri personali giochi senza frontiere è assemblare una zuppa di pollo completa di carne e verdure, portando un ingrediente alla volta in equilibrio su una paletta da spiaggia fino alla ciotola alla fine del percorso. Se l’ingrediente cade si raccoglie e si torna indietro ricominciando da capo.

Per il percorso consiglio l’uso smodato di cuscini; è divertentissimo camminarci sopra e non perisoloso in caso di caduta. Cuscini anche ad affiancare i punti che richiedono un po’ più d’equilibrio, sempre per attutire eventuali capitomboli. E poi coperte e ostacoli da scavalcare e tutto quello che vi viene in mente sempre nel rispetto delle capacità dei vostri piccolini.

Successo garantito e pisolino assicurato!

N.B. Non fatelo troppo breve, non fatelo troppo facile o vi ritroverete presto di fronte ad un caso di iperfrenesia tipo cane che riporta l’osso che, non solo vi impedirà di riposare, ma vi metterà anche in uno stato di leggera ansia che di sicuro non farà partire la giornata col piede giusto. Ricordate: il gioco deve richiedere concentrazione!!!

COSA FACCIO OGGI: GIOCHI SENZA FRONTIERE

OCCORRENTE (equipaggiamento minimo):

    • cuscini
    • sedie
    • coperte

ETÀ: 2+
DURATA: 40+ minuti

gsf_001

gsf_002

gsf_004

gsf_005

gsf_ultima

Irene
Author

Write A Comment