Quando hai una piccola peste di tredici mesi che passa il tempo esplorando e svuotando ogni angolo della tua casa, mangiando polvere proveniente dagli anfratti più dimenticati, girando per casa con i tuoi calzini sporchi intorno al collo come fossero una sciarpa, fiondandosi da una stanza all’altra alla velocità della luce con in mano delle cose che al ritorno non ci sono più e magari erano importanti, ecco, diciamo che il tempo per cucinare si riduce assai.

Prima si facevano le cose con un certo garbo – quando si facevano – ora per lo più si lancia della roba a caso in un recipiente senza starsi tanto a domandare perché e per come, mentre con lo sguardo si seguono gli atti vandalici in corso, poi si cuoce il mix e si spera bene. Qualche volta vien fuori una mezza schifezza, qualche volta invece il risultato è ottimo e sorprendente. E quando viene bene, qualsiasi cosa esca dal forno si trasforma automaticamente in comfort-food, in quella tipologia di cibo che ti fa godere il doppio perché il rapporto costi benefici è tipo 1 a 10.

Questa ricetta è uno dei picchi massimi di qualità raggiunti nel lancio casuale di ingredienti in una teglia – insieme ad un’altra che posterò prossimamente.  È facile, è veloce, è gustosa e la può mangiare tutta la famiglia. Non risparmiatevi sull’aglio perché ci sono i bambini. L’aglio fa bene ed è antibatterico… o almeno questo è il mantra che ci ripetiamo ogni volta che la nostra piccola peste ci stende con la fiatella di uno che si accinge ad andare a caccia di vampiri…

Insomma, provatelo questo pollo agli agrumi finché ancora si trovano in giro delle buone arance (mi raccomando non quelle rosse!) e poi modificate la ricetta a vostro piacimento.

Se avete aggiunte da fare, precisazioni, migliorie, non esitate a commentare!!!

Buon appetito!!!

Irene
Author

4 Comments

    • 🙂 Grazie! Si la ricetta è buonissima e superfacile! Perfetta per chi non ha tempo (o anche, tipo me, voglia :P) di cucinare ma vuol fare la figura del gourmet 😉

Write A Comment